Main Menu

Da Trento a Città del Capo: il viaggio della solidarietà

Nella spelendida cornice di Maso Naranch, nella bellissima Val di Gresta, sabato mattina si è svolta la presentazione del libro "Un'avventura in moto da Trento a Città del Capo".

Il libro è totalmente autofinanziato dal team ed i proventi delle vendite saranno devoluti all'associazione "Oskar For Langtang" a ricordo dello scomparso Oskar Piazza e di tutte le vittime del Nepal. (leggi l'articolo)

L'assessore Michele Dallapiccola, presente nella duplice veste di rappresentante delle istituzione e di amico di Rosario Sala, uno degli organizzatori del viaggio, ha ricordato come "è molto bello bello aggiungere al proprio divertimento qualcosa di utile per gli altri. Questo gruppo – continua Dallapiccola – si è assunto delle responsabilità ben precise. Io non sono meravigliato che ci siano persone che sono desiderose di aiutare il prossimo. Quasi tutti noi trentini proveniamo da una cultura contadina, in cui tutti erano abituati a condividere quel poco che avevano com la comunità. Rosario Sala ed i suoi compagni di viaggio ci rendono orgogliosi di appartenere a questo territorio. Ben vengano esempi come il loro."

Rosario Sala ed i suoi compagni di viaggio hanno inoltre specificato come il libro sia un omaggio alla memoria di loro duae amici scomparsi, Michele Piras e Ivan Tovazzi, ai quali è dedicato il viaggio ed il libro.

"Il libro è molto sermplicermente un racconto di emozioni, di tutto quello che abbiamo visto e vissuto in quei 65 giorni di viaggio in moto in cui abbiamo trovato tantissima gente per bene anche se appartenente a culture molto diverse dalla nostra."

"Mi ritrovo perfettamente nei valori ricordati da Dallapiccola – spiega la presidente dell'associazione "Oskar For Langtang",  Luisa Zappini – e credo sia importante non dimenticare quello che è successo in Nepal. All'indomani della tragedia – continua la Zappini – ci siamo ritrovati con la solidarietà di moltissime persone che volevano aiutarci ad aiutarli. Abbiamo deciso di creare un'associazione in cui la gestione delle donazioni potesse essere il più possibile trasperente. E così è stato e noi siamo orgogliosi. Aggiungo solo che vorremmo che ci fosse anche il sostegno del Governo."

"Il viaggio è statao un'eperienza meravigliosa – racconta Rosario Sala – e poichè vedo tra i partecipanti a questa presentazione moltissimi amici motociclisti, alcuni venuti anche da fuori provincia, posso dire che auguro a ciascuno di loro di fare un'eperienza come la nostra, almeno una volta nella vita. Durante i 23.000 chilometri percorsi in moto abbiamo incontrato moltissime persone e attraversato molti stati e territori, ma non abbiamo mai avuto paura, pur avendo attarversato alcune zone geografiche un pò rischiose. Durante tutto il viaggio abbiamo sempre trovato amici e persone per bene. Certamente e comprensibilmente incuriosite, ma sempre rispettose."

La location scelta da Rosario Sala e dai sui compagni di viaggio si è dimostreata davvero molto azzeccata, aiutata anche dalla splendida giornata autunnale dal clima molto mite. Moltissime le persone che hanno voluto partecipare alla presentazione del libro e quasi tutti hanno voluto acquistarne almeno una copia per sostenere il progetto a favore dell'associazione. 

E' davvero molto positivo che ci siano persone che dedicano il proprio tempo a fare qualcosa di divertente ma anche di utile per chi è meno fortunato.

Buon viaggio ragazzi, perchè siamo sicuri che ripartirete presto.

Stefano Leto






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*