Main Menu

A Levico la presentazione del libro «La fuga più lunga. un tratto di strada con Marcello Osler»

Il libro che ci fa conoscere il campione di ciclismo e di vita Marcello Osler attraverso il malore che lo ha colpito il 31 luglio 2013 e che lo ha portato sull’orlo della morte.

Il percorso successivo visto dagli occhi della moglie che punta i riflettori su aspetti intimi e privati per dare speranza a chi dovesse trovarsi in analoghe situazioni.

Un viaggio che si spinge fino al punto di non ritorno, ma poi la vicenda prende una piega inaspettata.

Che cosa può aver determinato il cambiamento?

Il titolo richiama la tappa di Sorrento che Osler vinse nel 1975 dopo appunto una lunga fuga solitaria.

Nel 2013, poteva essere un’altra “fuga”: verso il giudizio finale. Un’esperienza che Elena ha vissuto come appunto 45 anni prima, sempre con molta trepidazione anche se i motivi erano altri e altri temi importanti sui quali normalmente non ci si sofferma e gustosi episodi della vita spensierata del ciclista.

Elena Leonardelli Osler, l’autrice  del libro e moglie di Marcello è nata nel 1954 a Susà di Pergine (Trento).

Conosce Marcello Osler nel 1975, che sposa nel 1976, dal matrimonio nascono quattro figli. Quando dopo 37 anni di matrimonio, il marito per un improvviso malore è sul punto di morte, sente come non mai la profondità del legame che unisce la loro vita e quella dei loro figli.

Elena ha scritto queste pagine per raccontare come, in situazioni improvvise e estreme, si possono trovare dentro se stessi risorse prima inimmaginabili.

GIOVEDÌ 1 SETTEMBRE 2016 – ore 20.30 – Presso la Piazza della Chiesa di LEVICO TERME (in caso di maltempo l’evento si svolgerà presso la Sala consiliare in via Marconi, 6). Condurrà la serata il giornalista Gabriele Buselli 

Il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto all’Associazione Trentino onlus. Associazione Italiana contro le Leucemie – Linfomi e Mieloma. Sezione Trento






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*