Main Menu

Gender, le assurdità e i luoghi comuni di Selene Zorzi. – di Tiziano Cadrobbi

Egregio Direttore,

nel fare una sintesi dell’ intervista alla “teologa” Selene Zorzi, (nella foto) frugando tra un cumulo di assurdità e di luoghi comuni, sono emerse almeno tre teorie che meritano qualche attenzione: A) non esiste l’ideologia del gender B) mancano alla Chiesa Cattolica strumenti per dare insegnamento in materia di sesso e genere C) gay si nasce. (dove volutamente si vuole creare confusione tra movimento gay e persone con tendenze o orientamenti omosessuali).

Riguardo alla prima, non cadiamo nel vecchio trucco di negare l’esistenza dell’ideologia gender. Sono anni ormai che il mondo dei piccoli e dei ragazzi, fino dalla scuola materna,  è bersagliato da testi e programmi scolastici accompagnati da giochi di ruolo, spettacoli teatrali e racconti “educativi”, tutti con lo stesso contenuto: non deve esistere un’identità sessuata determinata e sicura, ma tutto è opinabile e provvisorio, poichè deriverebbe da quanto percepito di volta in volta in questo o quel contesto culturale.

Con tale principio però possiamo dare tanti saluti a un normale sviluppo psicofisico dei nostri figli che da sempre passa per un’ armonica e progressiva percezione del proprio sè sessuato, quindi del proprio ruolo, per conquistare successivamente un corretto e equilibrato orientamento sessuale.

Sulla seconda. Il Magistero della Chiesa Cattolica da sempre per sua missione ha trasmesso il “Depositum Fidei”, che investe tutto ciò che riguarda la dimensione e il destino dell’Uomo. Lo ha fatto tramite le Scritture e con la stessa vita e predicazione di Gesù.

Di ciò è parte integrante la cosiddetta Antropologia Rivelata, a partire dalla Genesi,dove uomo e donna appaiono unici distinti e complementari, fatti a immagine del Logos, somma espressione di Intelletto raziocinante. Lo stesso S.Tommaso, in totale sintonia, ci ha trasmesso i principi aristotelici della Legge Naturale, come interfaccia della Legge Eterna. In essa, come confermato dai Padri e Pontefici si realizza il ruolo unico dell’ uomo come sposo e padre, della donna come sposa e madre in un rapporto totalizzante per la vita.

E’ perfino scontato quanto Gesù stesso abbia sottolineato il dovere al rispetto assoluto verso la donna e verso l’indissolubilità del legame matrimoniale. Questo in un contesto tribale e pagano che partiva da usi opposti.

Sulla terza. Nessun genetista risulta abbia mai potuto dimostrare un’ anomalia genetica responsabile della omosessualità.

Esistono al contrario intere biblioteche dove autori importanti spiegano come l’orientamento omosessuale possa essere connesso con, a monte, un mancato sviluppo del proprio sè sessuato e del proprio ruolo, tappe normalmente superate tra il 3° e il 5°-6° anno del bambino. Per Autori intendo Adler Berger Steckel,e più recentemente J Nicolosi,T. Anatrella. . Essi hanno evidenziato in questi soggetti  una grande sofferenza dove a monte non è mancato un importante disequilibrio nel processo di identificazione/distinzione nei confronti delle figure materna e paterna.

In conclusione voglio ricordare che certe esternazioni da parte di presunti “teologi” lasciano sinceramente allibiti.

Tiziano Cadrobbi – Trento






One Comment to Gender, le assurdità e i luoghi comuni di Selene Zorzi. – di Tiziano Cadrobbi

  1. luca ha detto:

    ma l’autore di questo articolo non ha un vergogna a scrivere simili scicchezze?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*