Main Menu

Tagli alle circoscrizioni e aumenti di stipendio per i funzionari comunali, presentata un’interrogazione.

La vice presidente della Circoscrizione Centro Storico Piedicastello Martina Margoni (nella foto) presenta una mozione alla giunta comunale di centro sinistra autonomista.

Sotto la lente d’ingrandimento finiscono i tagli ai componenti dei consigli circoscrizionali, a fronte però dei sensibili aumenti di stipendio dei funzionari comunali. 

Nella mozione, poi trasformata in interrogazione Martina Margoni chiede alla giunta l’entità del risparmio annuo derivato dal taglio dei compensi ai componenti dei Consigli circoscrizionali, l’elenco analitico degli interventi integrativi per le circoscrizioni, derivati dalla maggiore riserva economica relativa e, nel caso di mancata sussistenza di quanto al punto due, di indicare quali strumenti e/o modalità attivare per consentire un fattivo dialogo e confronto con le circoscrizioni su entità economica e possibili impegni

«Molti discutono sul rapporto cittadini-istituzioni, – scrive Martina Margoni nella premessa dell’interrogazione – recupero della vicinanza della gente alla politica. Sono gli stessi che poi, in pratica, agiscono per svilire il rapporto tra governo centrale (comune)  e territorio (piazze e strade). La precedente legislatura ha sacrificato sull’altare della riduzione dei costi della pubblica amministrazione il ruolo e la dignità delle Circoscrizioni, mentre per contro sta attualmente agendo con spese disinvolte e aumenti di stipendi ai dirigenti comunali».

Proprio su questo ultimo aspetto si è concentrata quindi l’attenzione della mozione presentata in Consiglio circoscrizionale e approvata all’unanimità che è poi divenuta una puntuale interrogazione alla Giunta comunale.

Il tema, in sintesi, è il ruolo degli organi di governo periferici (le Circoscrizioni).

Le circoscrizioni da tempo lamentano di non avere nessuna delega diretta, limitata capacità di incidere sulle scelte più significative in tema di viabilità, trasporti, servizi, incremento esponenziale di limiti operativi e infine mancanza di riconoscimento dell’impegno offerto a favore della comunità di presidenti e consiglieri circoscrizionali.

 

 






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*