Main Menu

A Denno va in scena «Io spero in meglio», divertente e surreale monologo sul tema della vita al maschile e al femminile

DENNO – Domani sera, venerdì 28 aprile 2017, alle 20.30 l’auditorium del polo scolastico di Denno ospiterà lo spettacolo teatrale “Io spero in meglio”, inserito nell’ambito del progetto Pari opportunità 2017 organizzato dalla Comunità della Val di Non.

L’ingresso è libero e la serata viene proposta in collaborazione con gli assessorati alle attività culturali e sociali del Comune di Denno.

Lo spettacolo è una produzione Live Art – Spazio 14 – Teatrincorso in collaborazione con Associazione Donna e la regia e i testi sono di Elena R. Marino.

In scena, a sostenere un divertente e surreale monologo che affronta in modo “celestiale” il tema della vita al femminile e al maschile, c’è Silvia Furlan, attrice e responsabile, insieme a Elena Marino, della Direzione Artistica e Didattica della compagnia.

In “Io spero in meglio”, la protagonista è un/una nascituro/a che, proprio mentre sta scegliendo se nascere uomo o donna, viene contattata per portare a termine un’importante missione: salvare l’umanità dalla caduta negli abissi dell’infelicità dovuta alle diseguaglianze e alle discriminazioni che si sono create nel corso di millenni.

Il/la nascituro/a acquisirà un poco alla volta la consapevolezza delle discriminazioni subite e delle opportunità negate, capirà l’inutile sofferenza provocata dalla gabbia degli stereotipi, vedrà tutte le possibilità che si possono avere se solo apriamo gli occhi e avanziamo decisi verso la felicità di tutti, anziché, come facciamo ora, verso l’infelicità di molti.

La commedia riflette in modo leggero ma profondo sulla necessità di un cambio di rotta per imboccare la strada della felicità, una strada che parte dal rispetto per tutte e per tutti.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*