Main Menu

Rinnovato il Cipl degli operai forestali della Provincia di Trento. Ecco tutti i termini dell’accordo

La trattativa si era aperta il 9 maggio 2017 con una prima riunione tecnica preliminare, e si è chiusa oggi presso il Servizio Foreste e Fauna della Provincia autonoma di Trento dove è stato siglato l’accordo che rinnova il CIPL Operai Forestali della Provincia di Trento.

Ne da notizia Fulvio Bastiani (foto) segretario della Fai Cisl Trentino che conferma gli importanti risultati ottenuti sia dal punto di vista normativo (con l’introduzione di articoli innovativi) che sul piano economico con l’ottenimento di un aumento complessivo superiore al 4%).

Nello specifico l’accordo vede migliorata la conciliazione vita-lavoro con l’introduzione di uno specifico regolamento per l’utilizzo dei congedi parentali e con il riconoscimento di ulteriori permessi retribuiti in caso di assistenza ai familiari oltre che il consolidamento del livello occupazionale.

Sono state rivalutate inoltre le indennità legate ai lavori disagiati, alle calamità pubbliche e alla reperibilità ed è stato introdotto, affiancandolo a Filcoop previsto a livello nazionale, il Fondo Sanitario Territoriale Sanifonds. È stato aumentato il periodo di conservazione del posto a tutela delle lunghe malattie, prevedendo anche una parziale copertura economica e viene maggiorata l’indennità giornaliera legata alla presenza.

Viene anche rivalutato il salario integrativo provinciale nel suo complesso, attraverso la trasformazione di una componente variabile in paga base e sono stati creati i presupposti per l’attivazione della “Staffetta Generazionale”, al fine di integrare l’attuale contingente di operai forestali attraverso l’assunzione di giovani. Per finire è stata rilanciata la contrattazione aziendale.

La FAI-CISL del Trentino, Federazione maggiormente rappresentativa, esprime soddisfazione per avere contribuito al miglioramento delle condizioni economico/normative delle centinaia di occupati in uno dei settori strategici per la salvaguardia e la conservazione del territorio della nostra Provincia.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*