Main Menu

Addio a Malcolm Young, il chitarrista degli AC/DC

“È con una profonda tristezza nel cuore che annunciamo la morte di Malcolm Young”. Così gli Ac/Dc danno sul sito e sui social la notizia della scomparsa del co-fondatore della band, fratello di Angus. “Ha sofferto per anni di demenza e se ne è andato in pace, circondato dalla sua famiglia”.

“Con grande dedizione e impegno, è stato la forza trainante del gruppo – si legge in un messaggio del fratello Angus – Come chitarrista, compositore e visionario, è stato un perfezionista e un uomo unico. Ha sempre tenuto duro e ha detto e fatto esattamente quello che voleva. La sua lealtà verso i fan è stata insuperabile. Come fratello, è difficile esprimere a parole quello che ha significato per me, il legame che avevamo era unico e molto speciale. Lascia un’eredità enorme che vivrà per sempre”.

Nato a Glasgow, in Scozia, il 6 gennaio del 1953, Malcolm si trasferì con la famiglia in Australia alla fine degli anni Cinquanta, e nel 1973 fondò a Sydney insieme al fratello minore Angus gli Ac/Dc. Malcolm lasciò la band nell’aprile del 2014 per ricevere un trattamento contro la demenza; qualche mese dopo il management degli Ac/Dc annunciò il suo ritiro definitivo. Da allora era ricoverato in un centro specializzato in una città australiana. Il chitarrista è stato uno delle leggende del rock metal, che insieme alla sua band ha segnato la storia della muisica mondiale.

 

Il chitarrista versava in condizioni di salute precarie già da diversi anni e, nel 2014, si era ritirato dalle scene per sottoporsi ad un trattamento per la demenza. Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati dalla gente, a cui primo tra tutti si è unito il fratello: “E’ sempre stato convinto delle sue idee e ha fatto esattamente quello che voleva, la sua lealtà ai fan non conosceva uguali. Come fratello è difficile esprimere a parole cosa lui ha significato per me durante la nostra vita, il legame che avevamo era unico e speciale. Ci lascia un’enorme eredità che vivrà per sempre. Ben fatto Malcolm” scrive Angus






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*