Main Menu

ITEA di Tione senza l’Albero di Natale, a Polin neanche uno Spellacchio… – di Tanya Marino

Egregio direttore,

a quanto pare ci ha lasciato il famoso “Spellacchio”, l’Albero di Natale partito dalla Magnifica Comunità della Valle di Fiemme per poi arrivare a Roma; un caso che non ha solo portato a delle ironie su Facebook, ma addirittura ad un’inchiesta. Speriamo solo che la faccenda non abbia creato degli incidenti in un certo senso diplomatici, visti i tempi…

Almeno Roma ha avuto il suo Albero (per poco tempo visto che avrebbe dovuto durare un paio di mesi), mentre le case popolari di Polin sembra non siano degne di avere neanche uno Spellacchio.

Pochi giorni fa si era sollecitato il Comune di Tione di Trento affinché fornisse anche le località Polin di un Albero di Natale, ma evidentemente l’appello è rimasto inascoltato: basti sapere che da tale zona non si riesce neanche a vedere il bellissimo Albero di Natale in Piazza Cesare Battisti, quasi come se nei Comuni di piccole/medie dimensioni contassero solo i centri abitati; peccato che in questi Comuni esistono anche le piccole periferie che hanno diritto ad avere il simbolo del nostro Natale e delle nostre tradizioni, specialmente in una regione come il Trentino Alto-Adige che rifornisce di Alberi i territori extra-regionali dimenticandosi però dei propri, ogni tanto.

Non ci resta che affidarci a Babbo Natale e chiedergli se ha un posto nella sua slitta per portare anche a Polin un Albero di Natale.

Tanya Marino

Vice coordinatrice territoriale di AGIRE per il Trentino – Valli Giudicarie






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*