Main Menu

Juve vittoria capitale, Inter e Milan in “Vacanze di Natale”

Sabato 23 dicembre ore 20.45 si celebra il big match tra Juventus Football Club e Associazione Sportiva Roma.

La serata meteo a Porta Palazzo è contraddistinta dal cielo sereno, epilogo di un pomeriggio soleggiato, la temperatura misurata è di sei gradi centigradi.

Per gli amanti delle statistiche è la partita numero 84 giocata sul green Sabaudo nel campionato di serie A. I bianconeri possono vantare 54 vittorie, i giallorossi 21, mentre i pareggi sono 8.

LE FORMAZIONI E L’ARBITRO – La guida tecnica di Vinovo schiera il modulo 4-3-3 con Szcesny tra i pali. La difesa è amministrata dalla coppia Benatia e Chiellini, Barzagli in posizione, sull’out mancino scorre Alex Sandro. Nel reparto nevralgico si dispone Pjanic a far cerniera con Khedira e Matuidi; davanti Cuadrado e Mandzukic sostengono Higuain.

Il fischietto dell’incontro è affidato al quarantacinquenne, di Terni, Paolo Tagliavento.

Nel catino, gli assistenti del “barbiere” sono nella circostanza Costanzo e Manganelli. Il quarto uomo è Damato, nella postazione VAR, Irrati e Pinzani.

Lo staff di Trigoria disegna a specchio il collaudato modulo 4-3-3 con Alisson in porta. La linea dei bassi è composta da Florenzi, Manolas, Fazio e Kolarov; la batteria centrale è allineata con Nainggolan, De Rossi e Strootman; avanti le tre voci, El Shaarawy, Dzeko e Perotti.

I NUMERI – I Campioni d’Italia si presentano in riva al Po con una dote di 41 punti nel tabellone, al quarto posto nella griglia gli ospiti a quota 38 punti (con una gara da recuperare)

Quarantaquattro sono le reti realizzate e quattordici quelle subite dai bianconeri. Ventotto sono quelle all’attivo e dieci quelle al passivo per i capitolini.

Il passo spedito della squadra di Massimiliano Allegri è caratterizzato da tredici vittorie, due pareggi e due sconfitte; per gli undici di Eusebio Di Francesco sono dodici gli incontri vincenti, due sono i pareggi, due le disfatte.

Si affrontano il miglior attacco e la difesa meno perforata del torneo. Il finalizzatore della Juventus è l’argentino Dybala con dodici timbri, per la Roma è il bosniaco Dzeko con otto centri.

GLI APPUNTI – La sfida tra la Vecchia Signora e la Lupa termina con la vittoria dei piemontesi (1-0).

Allo Stadium si gioca una partita ordinata ed equilibrata, spigolosa e muscolare. La sfida è ricca di emozioni, caratterizzata dalla tattica e dalle ripartenze.

Il possesso palla pende dalla sponda giallorossa, una supremazia sterile senza graffi.

La Juve domina il gioco, strappa con le folate, il ritmo è alto e intenso. I padroni di casa sono solidi e spietati.

Sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Pjanic colpisce Chiellini, sulla respinta di Alisson, l’ex di turno Medhi Benatia spedisce prima sulla traversa poi scaraventa la sfera nel sacco (al minuto 18).

Nella prima frazione il conte Max ingabbia la Maggica. La Juve è diligente e coperta, dispone una mediana mobile, l’attacco è abile a destreggiarsi negli spazi sfruttando la profondità.

I Campioni d’Italia sono sornioni, lasciano a tratti il pallino agli ospiti e con percussioni improvvise accelerano con tecnica e personalità.

Dopo la ricreazione, senza sostituzioni, lo spartito non cambia. Il pressing bianconero è brutale, schiacciando sui binari con Cuadrado e Mandzukic.

Nel finale di gara i capitolini sfiorano il pareggio. Florenzi colpisce la traversa (al minuto 80), poi Schick si fa ipnotizzare dall’ottimo Szcesny (al minuto 94).

Nel mezzo Miralem Pjanic inventa un fendente che sbatte sulla traversa (al minuto 92).

Annotiamo, infine, sul taccuino del cronista, De Rossi, Cuadrado, Alex Sandro, Pellegrini (subentrato a Strootman), Kolarov, sanzionati dall’arbitro con il cartellino giallo.

IL PUNTO Ventotto sono le reti realizzate (di cui dieci in trasferta) nella diciottesima giornata di serie A.

Sei, sono le vittorie tra le mura amiche (Napoli, Juventus, Lazio, Udinese, Sassuolo, Genoa), tre i successi esterni (Atalanta, Fiorentina, Bologna), un solo pareggio (Spal-Torino).

SERIE A – Dopo 1620 minuti la classifica è la seguente: Napoli (45) – Juventus (44) – Inter (40) – Roma (38) – Lazio (36) – Atalanta, Sampdoria (27) – Fiorentina (26) – Milan, Torino, Udinese, Bologna (24) – Chievo (21) – Sassuolo (20) – Cagliari, Genoa (17) – Crotone, Spal (15) – Verona (13) – Benevento (1).

(*Udinese, Sampdoria, Roma, Lazio una partita in meno).

Nella classifica capocannoniere, Icardi comanda con 17 centri, podio d’argento per Immobile  con 16 reti, piazza di bronzo per Dybala con 12 sigilli.

IL TABELLINO –

Milan-Atalanta (0-2) -32’ Cristante (A), 71’ Ilicic (A)-

Napoli-Sampdoria (3-2) -2’ Ramirez (S), 16’ Allan (N), 27’ Quagliarella (S), 33’ Insigne (N), 39’ Hamsik (N)-

Sassuolo-Inter (1-0) -34’ Falcinelli (S)-

Spal-Torino (2-2) 1’ 10’ Iago Falque (T), 42’ Viviani (S), 69’ rigore Antenucci (S)-

Udinese-Verona (4-0) -27’ 68’ Barak (U), 44’ Widmer (U), 80’ Lasagna (U)-

Genoa-Benevento (1-0) -90’+2’ rigore Lapadula (G)-

Lazio-Crotone (4-0) -56’ Lukaku (L), 78’ Immobile (L), 86’ Lulic (L), 89’ Felipe Anderson (L)-

Chievo-Bologna (2-3) -4’ 90’ Destro (B), 32’ Inglese (C), 50’ Verdi (B), 85’ Cacciatore (C)-

Cagliari-Fiorentina (0-1) -82’ Babacar (F)-

IL POST – Venerdì 29 dicembre e sabato 30 dicembre si gioca la diciannovesima giornata di Serie A. Riportiamo l’elenco delle partite in programma: Crotone-Napoli, Fiorentina-Milan, Torino-Genoa, Roma-Sassuolo, Atalanta-Cagliari, Benevento-Chievo, Sampdoria-Spal, Bologna-Udinese, Inter-Lazio, Verona-Juventus.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*