Main Menu

Saltano anche 3 patenti per guida in stato di ebrezza.

Denunciati 3 minori per furto a Pergine e Baselga di Pinè

Grande lavoro della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana che nel corso dei controlli di questi giorni ha denunciato in stato di libertà sei persone, di cui 3 per furto in esercizi pubblici e 3 per guida in stato di ebbrezza.

Gli eventi di furto sono due, commessi presso esercizi pubblici di Pergine Valsugana e Baselga di Pinè. A finire nei guai sono stati due minori O.P.S. e L.G., italiani, che si sono resi responsabili del furto di sigarette da un distributore automatico.

I due sono stati  rintracciati grazie agli immediati accertamenti svolti dai carabinieri del Nucleo Radiomobile che, analizzando le immagini di videosorveglianza e raccogliendo alcune testimonianze, sono riusciti ad identificarli rapidamente insieme ad un altro minore, I.H., marocchino, sorpreso a rubare, dai carabinieri della Stazione di Baselga di Pinè, da un supermercato, generi alimentari. Tutti sono stati denunciati in stato di libertà, e merce è stata restituita agli aventi diritto e i minori, riaffidati ai propri genitori.

Tre, le persone fermate invece dai carabinieri alla guida dei loro autoveicoli per guida in stato di ebbrezza, nelle zone di Roncegno Terme, Borgo Valsugana ed Ospedaletto, nelle fasce orarie serali e notturne. Il primo, un italiano, F.R. 33enne, sorpreso alla guida, con un tasso medio di alcool nel sangue di 0,98 G/L; il secondo, E.G., 54enne italiano che all’etilometro, faceva registrare un valore medio di 3,65 G/L (4 volte sopra il consentito!) ed infine L.O., 50enne, cittadina ucraina, risultata positiva con un tasso medio di 2,28 G/L.

Ricordiamo che nel caso in cui il tasso alcolemico sia compreso tra 0,5 g/l e 0,8 g/l si rischia una multa da 500 a 2.000 euro e la sospensione della patente da tre a sei mesi. Se avviene una contestazione del tasso alcolemico oltre la norma la vettura non può più essere condotta dal trasgressore in stato di ebbrezza e, se non è possibile affidarla ad un’altra persona, sarà recuperata da un soccorso stradale e deposito autorizzato per trasportarlo o in un luogo indicato dal trasgressore o direttamente all’autorimessa di chi ha effettuato il recupero. Prevista la decurtazione di dieci punti della patente, venti per chi ha preso la patente dopo il primo ottobre 2003 e da meno di tre anni.

Tasso alcolemico compreso tra 0,8 g/l e 1,5 g/l – Sanzione da 800 a 3.200 euro e arresto fino a sei mesi con sospensione della patente da sei mesi ad un anno. Nel caso in cui è la stessa persona a compiere più violazioni durante un biennio o se la violazione viene commessa da un conducente professionista, come un autista di autobus e di veicoli con rimorchio, la patente viene sempre revocata, ritirata e trasmessa entro dieci giorni al Prefetto. Se una persona in stato di ebbrezza con tasso alcolemico al di sotto dei 1,5 gr/l causa un incidente stradale, il giudice può imporre con la sentenza di condanna il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni, salvo il caso in cui il veicolo appartenga a persona estranea al reato.

Tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l – Sanzioni salatissime in questo caso. Ammenda tra 1.500 e 6.000 euro, arresto da sei mesi ad un anno, con un minimo di sei mesi. Sospensione della patente da uno a due anni e confisca del veicolo con una sentenza di condanna. In caso in cui il tasso alcolemico accertato è superiore a 1,5 gr/l scatta il sequestro preventivo del veicolo ai fini della confisca che verrà disposta in sede di condanna, sempre ad eccezione che appartenga ad una persona estranea al reato.

Rifiuto di sottoporsi all’alcol test – Il conducente che senza un giustificato motivo rifiuta di sottoporsi all’etilometro commette un illecito penale che comporta una serie di sanzioni: arresto da tre mesi ad un anno, multa da 1.500 a 6.000 euro, sospensione della patente da sei mesi a due anni e revoca, nel caso in cui il trasgressore sia stato condannato per lo stesso reato nei due anni precedenti e la confisca del veicolo, salvo che lo stesso appartenga a persona estranea al reato. Attraverso l’ordinanza di sospensione, il Prefetto ordina al conducente di sottoporsi ad una visita medica per la revisione della patente di guida presso la Commissione Medica Provinciale. Inoltre, per la violazione, è anche prevista la decurtazione di dieci punti dalla patente.

Peso, sesso ed età influenzano l’assorbimento dell’alcol, elementi determinanti nel raggiungimento o meno del limite previsto dalla legge. E’ dimostrato che dodici grammi di alcol, che comportano una concentrazione di 0,2 grammi di alcol nel sangue in una persona di circa 60 chili di peso a stomaco pieno corrispondono in linea di massima a: un bicchiere da 125 ml di vino, una lattina da 330 ml di birra, un bicchiere piccolo da 40 ml di superalcolico e a un bicchiere da 80 ml di aperitivo. Superare i limiti massimi è facilissimo.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*