Main Menu

Inaugurata la mostra «Inclinazioni». Le opere di venti artisti trentini del Novecento

I nomi degli artisti – tutti trentini del Novecento – dicono già da soli l’interesse di “Inclinazioni“, la mostra d’arte che è stata appena inaugurata ieri a palazzo Trentini davanti a una folla di primi visitatori.

Ecco di chi si tratta: Josef Maria Auchentaller, Marcello Iras Baldessari, Luigi Bonazza, Bruno Colorio , Fortunato Depero , Benvenuto Disertori , Orazio Gaigher , Tullio Garbari , Erika Giovanna Klien , Fausto Melotti , Umberto Moggioli , Guido Polo , Aldo Schmid , Riccardo Schweizer , Luigi Senesi , Cesarina Seppi, Giorgio Wenter Marini , Othmar Winkler , Dario Wolf e Remo Wolf. Nientemeno, viene da dire.

La rassegna, promossa dalla Presidenza del Consiglio provinciale, giustappone un’ opera giovanile e un’opera matura di ciascuno di questi 20 mostri sacri dell’arte figurativa della nostra terra, consentendo di apprezzarne l’evoluzione e talvolta la grande distanza tra gli esordi e la piena realizzazione estetica.

L’architetto Roberto Festi e la giovane storica dell’arte trentina Chiara Galbusera hanno scelto questa cifra, la ricerca di come la vena artistica nasce e si sviluppa in diverse personalità, ambienti e periodi storici. Molti degli artisti hanno studiato al Nord, a Vienna o a Monaco, altri hanno un imprinting tutto italiano, con studi nelle capitali dell’arte della penisola.

Attraverso le loro opere si rendono possibili delle incursioni in esperienze di grande respiro, dallo Jugendstil alle Avanguardie, dal Futurismo alla Nuova Oggettività e all’Astrazione. Galbusera oggi ha detto che la rassegna di palazzo Trentini – proponendo una coppia di opere per artista – è in realtà un invito all’approfondimento dell’intero percorso di personalità davvero importanti per la nostra terra.

Per la Presidenza del Consiglio provinciale l’esposizione rappresenta l’ideale conclusione di un percorso e di un impegno culturale durati per tutta la legislatura, durante la quale si è cercato di dare visibilità all’arte trentina e, più in generale, a quella dell’intera area euroregionale, attraverso il contributo delle espressioni artistiche più alte e riconosciute. “Inclinazioni” è stata espressamente dedicata a Paolo Vallorz, scomparso a Parigi lo scorso 27 novembre, per sottolineare la profonda riconoscenza di tutto il Trentino nei confronti di questo nostro straordinario artista del Novecento.

La selezione di artisti – introdotta da una splendida carrellata anche di ritratti fotografici dei maestri – non vuole certo stabilire gerarchie e graduatorie. Al contrario, la Presidenza del Consiglio provinciale richiama con questa mostra l’attenzione pubblica sulla vastità del produrre artistico trentino nei secoli e sull’altrettanto vasto silenzio che avvolge, tranne sporadiche occasioni, proprio il ruolo non secondario ricoperto dall’arte di queste valli nel lungo incedere della storia europea.

La mostra “Inclinazioni” rimane aperta a palazzo Trentini dal 20 gennaio al 10 marzo 2018, da lunedì a venerdì ad ore 10-18 e il sabato ad ore 10-12. Ingresso libero.

Artisti selezionati:

Josef Maria Auchentaller (Vienna 1865 – Grado 1949)***

Roberto Marcello [Iras] Baldessari (Innsbruck 1894 – Roma 1965)

Luigi Bonazza (Arco 1877 – Trento 1965)

Bruno Colorio (Trento, 1911 – 1997)

Fortunato Depero (Fondo, Valle di Non 1892 – Rovereto 1960)

Benvenuto Disertori (Trento 1887 – Padova 1969)

Orazio Gaigher (Levico Terme 1870 – 1938)

Tullio Garbari (Pergine Valsugana 1892 – Parigi 1931)

Erika Giovanna Klien (Borgo Valsugana 1900 – New York 1957)

Fausto Melotti (Rovereto 1901 – Milano 1986)

Umberto Moggioli (Trento 1886 – Roma 1919)

Guido Polo (Borgo Valsugana 1898 – Trento 1988)

Aldo Schmid (Trento 1935 – Bologna 1978)

Riccardo Schweizer (Mezzano, Primiero 1925 – Casez, valle di Non 2004)

Luigi Senesi (Pergine Valsugana 1938 – Bologna 1978)

Cesarina Seppi (Trento 1919 – 2006)

Giorgio Wenter Marini (Rovereto 1890 – Venezia 1973)

Othmar Winkler (Brunico 1907 – Trento 1999)

Dario Wolf (Trento 1901 – 1971)

Remo Wolf (Trento 1912 – 2009)






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*