Main Menu

Inter-Roma è pareggio, Napoli in testa, Milan corsaro

L’Inter acciuffa il pari nella gara del Meazza contro la Lupa. I giallorossi realizzano nella prima frazione con una stoccata del “Faraone”, nel finale gettano alle ortiche la vittoria. I Bauscia, nel complesso, conquistano un punto con merito e mantengono il terzo posto in graduatoria.

Il Diavolo espugna Cagliari nel tardo pomeriggio sull’isola. Prima un’incertezza di Donnarumma regala il vantaggio al club dei Quattro Mori, poi il rigore e una prodezza di Kessié indirizzano il match per i rossoneri.

I Partenopei passano a Bergamo e mantengono la testa della classifica. In attesa del posticipo (tra la Vecchia Signora e il Grifone) il Ciuccio mantiene a distanza (+4) i bianconeri di Massimiliano Allegri.

Dries Mertens segna nella ripresa la rete numero 11 (del torneo) e castiga la Dea.

Le Aquile romane celebrano il “festival del goal” nell’Olimpico capitolino. I biancocelesti sospinti da Milinkovic-Savic annientano la truppa clivense di Rolando Maran.

E’ un “Black Sunday” per le squadre di Verona; in coda boccata d’ossigeno per gli Squali calabresi di Walter Zenga nel match salvezza del Bentegodi.

A Marassi il Doria affonda la Viola sotto i colpi dell’inossidabile Quagliarella.

Il Sassuolo divide la posta in palio con il Toro di Walter Mazzarri, mentre la Spal pareggia a Udine contro le Zebrette friulane.

Sul tabellino del cronista annotiamo un solo rigore (al Sant’Elia di Cagliari) decretato e trasformato, la tripletta di Fabio Quagliarella, le doppiette di Milinkovc-Savic e Franck Kessiè.

IL PUNTO Ventisei sono le reti realizzate (di cui undici in trasferta) nella ventunesima giornata di serie A.

Tre, sono le vittorie tra le mura amiche (Lazio, Sampdoria, Bologna), tre i successi esterni (Napoli, Milan, Crotone), tre i pareggi (Inter-Roma, Sassuolo-Torino, Udinese-Spal).

IN PRIMO PIANO – La migliore batteria d’attacco è quella della Lazio (53 reti all’attivo), la difesa meno battuta è del Napoli (13 reti).

Nel gruppo di testa la squadra laziale è quella più perforata (25 reti). Il fanalino di coda Benevento si conferma il peggior pacchetto difensivo (46 reti), seguito dal Verona (44 gol).

SERIE A – Dopo 1890 minuti la classifica è la seguente: Napoli (54) – Juventus (50) – Lazio, Inter (43) – Roma (40) – Sampdoria (33) – Milan (31) – Atalanta (30) – Udinese, Torino (29) – Fiorentina (28) – Bologna (27) – Chievo, Sassuolo (22) – Genoa (21) – Cagliari (20) – Crotone (18) – Spal (16) – Verona (13) – Benevento (7).

(*Udinese, Sampdoria, Roma, Lazio, Juventus e Genoa una partita in meno).

Nella classifica capocannoniere Immobile comanda con 20 centri, podio d’argento per Icardi con 18 reti, piazza di bronzo per Quagliarella con 15 sigilli.

IL TABELLINO –

Inter-Roma (1-1) -31’ El Shaarawy (R), 86’ Vecino (I) –

Cagliari-Milan (1-2) -8’ Barella (C), 36’ rigore 42’ Kessié (M) –

Sampdoria-Fiorentina (3-1) -30’ 60’ 68’ Quagliarella (S), 80’ Carlos Sanchez (F)-

Lazio-Chievo (5-1) -23’ Luis Alberto (L), 25’ Pucciarelli (C), 31’ 68’ Milinkovic-Savic (L), 83 Bastos (L), 86’ Nani (L)-

Udinese-Spal (1-1) -11’ Samir (U), 49’ Floccari (S)-

Sassuolo-Torino (1-1) -26’ Obi (T),54’ Berardi (S)-

Bologna-Benevento (3-0) -35’ Destro (B), 73’ De Maio (B), 88’ Dzemaili (B)-

Verona-Crotone (0-3) -3’ Barberis (C), 54’ Stoian (C), 67’ Ricci (C)-

Atalanta-Napoli (0-1) -65’ Mertens (N)-

IL POST – Lunedì 22 gennaio si gioca allo Stadium il posticipo tra Juventus e Genoa (20.45)

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*