Main Menu

I simboli esclusi dalle elezioni del 4 marzo

Dopo aver esaminato i 103 contrassegni depositati per le elezioni politiche del 4 marzo, il ministero dell’interno ne ha ammessi 75 (dato aggiornato alle 18 di ieri).

In 19 casi il Ministero ha invitato i depositanti, in base alla normativa vigente, alla sostituzione del contrassegno e/o all’integrazione della dichiarazione di trasparenza entro 48 ore dalla notifica. Per carenza documentale a 9 contrassegni non è consentita la presentazione di liste.

Alla Margherita non sarà consentita la presentazione di liste. Nel gruppo degli esclusi anche Recupero maltolto Articolo 18 Statuto lavoratori e il Fronte Verde. Al momento tra i simboli non ammessi, perché si dovrà sostituire il contrassegno e/o integrare la dichiarazione di trasparenza, la Democrazia Cristiana, il Movimento Politico Forconi, le Destre UniteMsi, la Lega per l’Italia, il Movimento Sociale, i Pensionati e invalidi, la lista No riforma Forense, e Indipendenza del Veneto.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*