Main Menu

Reparto pediatria Cavalese: mamme invitate ad andare a Trento. La testimonianza

Dopo la chiusura del punto nascite di Cavalese, del quale non si ha ancora alcuna certezza per la riapertura, nonostante i canti delle sirene delle ultime settimane, anche altri reparti sembrerebbero risentire delle disattenzioni al comparto sanità.

La segnalazione  arriva dal consigliere provinciale Claudio Cia che accoglie il disagio di una madre, che dopo aver portato il figlio di poco più di 6 mesi all’ospedale di Cavalese, sarebbe stata indirizzata giustamente al reparto di pediatria.

Il bambino vomitava di continuo e aveva bisogno di essere idratato urgentemente tramite flebo, questo su indicazione del pediatra di famiglia. E’ a questo punto che la madre, giunta in ospedale attorno alle ore 16, sarebbe stata invitata a recarsi al pronto soccorso di Trento, in quanto il turno pediatrico si sarebbe concluso alle 18 e la durata della flebo avrebbe superato tale orario.

In conclusione la giovane mamma, con un bimbo di pochi mesi e che necessitava di cure urgenti, avrebbe dovuto farsi quasi un’altra ora di macchina per raggiungere l’ospedale Santa Chiara.

«Non si possono addebitare colpe al personale che, nonostante i tagli,  – dichiara in proposito Claudio Cia – si fa in quattro per garantire la qualità delle prestazioni, certo che se le cose stessero così la situazione sarebbe particolarmente grave, confermando ulteriormente i danni di un’organizzazione del comparto sanità che perde di vista l’attenzione al paziente, trasformando la persona, nel suo momento di maggiore vulnerabilità, in un numero, una pratica burocratica da aprire e chiudere entro determinati orari, e come tale inoltrabile in altri “sportelli” della Provincia».

Cia invita l’Assessore alla Salute e alle politiche sociali Luca Zeni (PD) a verificare prontamente il caso, intervenendo per ripristinare il diritto delle mamme della Val di Fiemme a ricevere assistenza per i loro bambini senza doversi rivolgere alla città di Trento.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*