Main Menu

Folgaria: per sciare in sicurezza i Carabinieri sono stati dotati di nuovi strumenti per la vigilanza ed il soccorso

Un bilancio più che positivo quello tracciato dai Carabinieri di Folgaria che hanno delineato l’analisi su quanto svolto dai Militari addetti al Soccorso Piste del Comprensorio sciistico di Folgaria.

Numeri importanti, che coniugano il versante della prevenzione a quello pur sempre presente della repressione dei reati che anche nei comprensori sciistici si riscontrano (in particolare i furti di attrezzature sportive e il contrasto alla diffusione degli stupefacenti, anche in ottica della corretta e lucida condotta sciistica sulle piste, che hanno visto un costante impegno e riscontri positivi alla responsabilità dei militari impiegati quotidianamente nel controllo delle piste del comprensorio) e che supportano l’implementazione delle attrezzature tecniche e la frequenza di corsi di aggiornamento che periodicamente vengono svolti al Centro Addestramento Alpino in Selva di Val Gardena ove tutti i Carabinieri addetti al Soccorso Alpino si riuniscono periodicamente.

170 sino ad oggi gli interventi richiesti dagli utenti sciatori ai Carabinieri che a volte vengono chiamati via radio, ma spesso vengono contattati presso la loro sede messa a disposizione dalla Società Folgaria Ski. Si tratta di interventi a sostegno degli sciatori che riempiono di soddisfazione i Carabinieri di Folgaria e di Lavarone variamente dislocati sul Comprensorio.

Il Maresciallo Maggiore Casciotti, Comandante della Stazione di Folgaria, ricorda alcuni episodi particolarmente importanti come ad esempio quello occorso una domenica ad uno sciatore che aveva di recente subito un intervento chirurgico al cuore, ed accusando un malore temeva il peggio, così da recarsi al posto fisso dei Carabinieri che hanno immediatamente attivato la macchina dei soccorsi esitati con l’intervento dell’elicottero del 118.

Oppure quello di qualche giorno fa ricordato in una lettera di ringraziamento inviata al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Trento dalla moglie di un utente che si era gravemente infortunato, e per il tempestivo e professionale intervento dei Carabinieri, se la caverà con una lunga riabilitazione senza postumi per il grave trauma facciale che aveva subito. Per queste ragioni di recente i Carabinieri di Folgaria sono stati dotati di una seconda motoslitta e tutto il personale è stato abilitato all’uso del defibrillatore.

Ma non solo soccorso agli infortunati, grande soddisfazione e commozione deriva spesso dal ritrovamento di bambini che nell’enfasi di sciare il più possibile si smarriscono sulle lunghe piste, ed ai genitori non rimane altro da fare che rivolgersi ai Carabinieri ed alla Polizia di Stato che adoperano nelle immediate ricerche, in tutti i casi risolte.

Ma i militari danno inoltre assistenza negli eventi che si svolgono sul Comprensorio quali ad esempio gli allenamenti delle squadre nazionali straniere (Austria – U.S.A. – Svezia – Francia) e della nazionale Italiana sia maschile che femminile.

Quest’anno anche la “regina” dello sci, la campionessa Statunitense Lindsey Vonn che si è allenata sulla pista Salizzona di Folgaria dove si sono tenute due gare di slalom gigante del circuito di Coppa Europa maschile lunedì 22 e martedì 23 gennaio, ha usufruito del supporto dei Carabinieri che hanno messo a disposizione i loro uffici a Fondo Grande per l’attività logistica durante i suoi allenamenti, nel corso dei quali ha provato i materiali per le prossime olimpiadi invernali, assieme ai compagni di nazionale Ted Ligety e Tommy Ford.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*