Main Menu

La sanità privata per i lavoratori è una giungla contrattuale.

Una parte dei consiglieri provinciali ha incontrato oggi – nella pausa dei lavori d’aula – i vertici del sindacato Fenalt. (nella foto)

Il presidente Bruno Boschetti, il segretario Mauro Valentinotti e il dirigente dell’area sanità, Paolo Panebianco, hanno posto con forza il tema della “giungla” contrattuale che contraddistingue il personale infermieristico e o.s.s. delle case di cura private trentine. A questi lavoratori – hanno spiegato – vengono applicati ben tre contratti nazionali differenti nelle cinque strutture del nostro territorio, con trattamenti retributivi che sono tra l’altro mediamente inferiori di almeno 400 euro rispetto ai pari livello del settore pubblico.

La situazione merita di essere presa in mano dalla Provincia Autonoma, che potrebbe impegnarsi – come già accaduto con la recente legge per il settore cave/porfido – e far muovere il settore verso un contratto unico. Nell’incontro è stato espresso grande rammarico per come la proposta di mozione in argomento, discussa proprio in mattinata dal Consiglio provinciale, sia stata respinta e senza chiarimenti circa le argomentazioni contrarie.






Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*