Main Menu

Scandalo sanità trentina: due dirigenti trasferiti ad altro incarico durante le indagini

Due dirigenti dell’Azienda sanitaria trentina sono stati trasferiti ad altro incarico dopo il polverone sollevato dallo scandalo corruzione all’interno dell’Apss.

Il direttore generale dell’azienda di Trento, Paolo Bordon (nella foto), ha quindi assegnato un nuovo incarico, diverso da quello delle forniture sanitarie per le quali i due sono indagati, fino a che non saranno conclusi tutti gli opportuni accertamenti.

Le accuse sono diverse e pesanti ovvero associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, corruzione e rivelazione di segreti. Per ora però non sono stati rilevati gli estremi per sospendere i due dipendenti indagati all’interno della sanità trentina, mentre altri tre sono indagati in Alto Adige e per la precisione uno a Merano e due a Bolzano.

I dirigenti avrebbero pilotato gare di appalto per forniture sanitarie, intascato mazzette e confezionato bandi su misura per far vincere clienti già designati. L’indagine ha portato a diverse perquisizioni, sono stati vagliati i dati dei cellulari, esaminato il cervellone elettronico dell’azienda sanitaria, le comunicazioni dei singoli, ci sono state intercettazioni e riprese video. Coordinano le indagini i pm Alessandra Liverani e Carmine Russo.






One Comment to Scandalo sanità trentina: due dirigenti trasferiti ad altro incarico durante le indagini

  1. Gabriele ha detto:

    Ma cos’è? è relativo al trucco dei concorsi 112? se è cosi, spero che indaghino anche sul concorso del direttore del 118. Visto che nemmeno lì cìè stata tanta trasparenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*